Perchè team building

Perchè team building

Perchè Team Buildingdi cui sopra. Perc   Il team è il centro della produttività in un ambiente di lavoro. Squadre che funzionano bene possono garantire il benessere di un'organizzazione. Tutti i membri delle migliori squadre accettando

la necessità di differenza e le diversità, si rafforzeranno a vicenda dai rispettivi punti di forza e potranno compensare la vulnerabilità delle persone nei momenti di personale o professionale sfida. Vale la pena di investire in strategie che consentano ad un team di sviluppare le qualità hè Team Buildingdi cui sopra.   Team building è una combinazione di strategie volte a: costruire forti relazioni interpersonali sviluppare la comprensione e impegno in materia di obiettivi di gruppo. Le statistiche registrano nell'ultimo biennio un aumento del 40% dei corsi di formazione sul lavoro di gruppo, a scapito dei classici corsi a contenuto tecnico-professionale, con una domanda proveniente soprattutto dalle multinazionali e dalle grandi aziende italiane. La nuova tendenza è quella che nel settore si chiama team building o sviluppo del lavoro di squadra. Soprattutto nei comparti produttivi dove è più accesa la competitività ed è più forte la corsa all'innovazione di prodotto (ad es. IT, telecomunicazioni, ricerca), il lavoro in team è diventato la regola organizzativa prioritaria, un modus operandi ordinario per raggiungere risultati straordinari: costi sotto controllo, aumento della produzione, miglioramento del servizio al cliente, livelli superiori di produttività e di efficienza. E’ l’esperienza vissuta da aziende leader nel proprio settore che, a fronte di budget sempre più ridotti, hanno trovato nel lavoro in team la chiave per rispondere alle nuove sfide presentate da un mercato sempre più competitivo: il lavoro di squadra sembra essere la risposta migliore perché capace di realizzare sinergie tra le persone, integrarne le competenze, ottenere un output che non è semplice sommatoria dei risultati ottenibili dai singoli, ma molto di più. Un’organizzazione del lavoro quale quella dei team, oltre a far sentire le persone maggiormente integrate, a migliorare il clima aziendale e ad ottenere maggiore motivazione, contribuisce a ridurre notevolmente tempi e costi, evitando inutili duplicazioni di competenze o lunghi passaggi decisionali. Come ottenere una squadra vincente? Perché un gruppo di persone diventi anche un team di lavoro vincente occorre che i membri sperimentino un senso di interdipendenza e di coesione, ovvero che prendano coscienza delle reciproche diversità professionali e della necessità degli altri per raggiungere obiettivi che da soli non si è in grado di raggiungere. Possiamo infatti definire il team di lavoro come un insieme di persone unite in funzione di un obiettivo comune e interdipendenti in relazione alle specifiche competenze professionali. E’ proprio durante questo delicato processo (di team building o di costruzione del gruppo) che gli individui sviluppano la collaborazione e la fiducia reciproca necessarie per negoziare obiettivi, metodi e ruoli. Ecco dunque gli elementi indispensabili per la costruzione di un team: È necessario condividere gli obiettivi: i partecipanti devono avere una visione chiara e condivisa dei risultati che il gruppo deve raggiungere e delle azioni da intraprendere. Posto che inevitabilmente ciascuno apporta nel gruppo attese e bisogni personali, sarebbe opportuno integrare i diversi punti di vista in una prospettiva più ampia nello sforzo di attribuire un unico significato ai risultati da raggiungere e dare un’interpretazione comune alle azioni di fattibilità. È importante la condivisione del metodo di lavoro: anche le regole di funzionamento del team devono essere negoziate, il che comporta la definizione consensuale da parte dei membri di tutte le attività e delle operazioni necessarie per procedere con efficacia nel lavoro. Verranno analizzate quindi le risorse e i vincoli del gruppo e i processi di discussione e decisione saranno definiti in modo tale da favorire la partecipazione di tutti. È inoltre richiesta la condivisione dei ruoli: sulle basi delle specifiche caratteristiche professionali si attribuiscono i ruoli ai singoli membri del team. Questi, infatti, riconoscendo le diversità professionali come risorse del gruppo e non come limiti, avvertono come necessario e indispensabile il contributo di ciascuno in termini di competenze e qualità. È necessario infine il riconoscimento della leadership che si esercita principalmente in tre direzioni: - a presidio delle competenze dei singoli - a presidio della comunicazione all’interno e all’esterno del gruppo - a presidio e rafforzamento del committment Arrivare a questi risultati non è sempre cosa facile, spesso anzi si devono superare ostilità o riluttanze. Talvolta è proprio la cultura aziendale a non favorire lo sviluppo dei team, soprattutto in piccole organizzazioni di tipo padronale - familiare dove prevale l’individualismo, dove manca la trasmissione delle competenze o la condivisione del know-how, dove è forte la tendenza dei manager a ricercare il potere attraverso il controllo dell'informazione. Il processo di team building come abbiamo visto è alquanto complesso ma i benefici che se ne possono trarre ne fanno indubbiamente un’arma vincente.

Recommended Post