Congresso

Team Building

citazioni di ispirazione

Team Building

Dai ai tuoi colleghi una spinta in più di fiducia con queste citazioni di Team Building. Che tu stia introducendo un nuovo gruppo di colleghi o motivando il tuo team esistente.

1. “Nessuno può fischiare una sinfonia. Ci vuole un’intera orchestra per suonarla”.
– S.E. Luccock

2. “Chi non può essere un buon seguace non può essere un buon leader.”
– Aristotele

3. “Le grandi cose negli affari non vengono mai fatte da una sola persona. Sono fatti da un team di persone”.
– Steve Jobs

4. “Un vero leader non è un cercatore di consenso, ma un modellatore di consenso”.
– Martin Luther King Jr.

5. “Incontrarsi è un inizio. Stare insieme è progresso. Lavorare insieme è un successo”.
– Henry Ford

6. “Un uomo può essere un ingrediente fondamentale in una squadra, ma un uomo non può fare una squadra”.
– Kareem Abdul Jabbar

7. “Leadership e apprendimento sono indispensabili l’uno per l’altro”
– John F. Kennedy

8. “Il valore del successo è nel risultato.”
– Albert Einstein

9. “Chi vuole assicurarsi il bene degli altri, ha già assicurato il proprio”.
– Confucio

Team Building Italia
Contatto Attività di Team Building
Grazie per il vostro interesse. Ti contatteremo al più presto.
Seguici sui Social Network

    Team building aziendale in Portogallo, un esempio edificante

    Festa della Mamma e attività di team building

    Parliamo di team building aziendale in Portogallo.

    Una settimana di ferie extra per un bebé nato, permesso nel giorno del compleanno, un giorno extra di ferie come regalo di Natale, sessioni di team building e libertà per fare una vacanza. Sono alcuni dei vantaggi che un’azienda di Vila Nova de Cerveira dà ai propri dipendenti.

    La [omissis] sta facendo dieci anni di vita e ci sono novità in arrivo.

    “Io pure sono già stato padre e conosco l’importanza di stare a casa nei primi tempi dei nostri figli”. Questa la spiegazione è di Paulo Silva, direttore dell’azienda, per aver avanzato da quattro anni a questa parte la misura che prevede che i lavoratori ottengano una settimana extra di ferie “quando vogliono”, con i figli recentemente-nati.

    Già ci sono stati diversi lavoratori che hanno usufruito di questa buona pratica. “Un beneficio comprensivo delle due volte”. Inoltre, la sua direttrice delle Risorse Umane, Paula Sousa, incinta, sarà una delle prossime persone a poter mettere in pratica la misura.

    “Quando entrai in azienda, sentimmo la necessità di uniformare le buone prassi che già esistevano con l’obiettivo che la [omissis] fosse un luogo di lavoro sicuro e che promuove il benessere dei lavoratori”, di Paula Sousa, che va oltre: “da quando abbiamo cominciato a rivelare questa nostra filosofia, abbiamo ricevuto molti più curriculum e ormai non abbiamo più bisogno di mettere annunci”.

    Solo nell’ultimo mese sono state messe sotto contratto tre persone sulla base di questa filosofia. Ma i ‘benefici’ per i collaboratori sono più allargati.

    “Tutti gli anni facciamo un pic-nic tutto il giorno, sezioni di team building, festeggiamo i compleanni di tutti, In cui ognuno porta la torta, e come regalo nell’ultimo Natale abbiamo dato un giorno extra di ferie”, aggiunge Paulo Silva.

    Certificazione

    Un’altra delle misure adottate passa attraversa la certificazione al livello di sicurezza di tutti i lavoratori.

    “Abbiamo costruito un nuovo spazio per la parte amministrativa, abbiamo messo finestre per fare entrare più luce naturale e per i montanti non rotanti abbiamo messo i tappetini antistress

    Ci sono inoltre convenzioni con ottici e osteopati, con “vantaggi per i nostri lavoratori”, una misura presa dopo un’azione di screening nella propria impresa per ricordare il Dia Nacional da Saúde no Trabalho” (Giorno Nazionale della Salute sul Lavoro).

    Nel segreto degli Dei sta il prossimo passo: “è una iniziativa che giudichiamo essere innovatrice”, dice Teresa Silva del Dipartimento Commerciale.

    Per celebrare dieci anni de vida, nel prossimo mese di maggio, oltre a “una serie di sorprese

    ”, la [omissis] avrà un nuovo sito, una nuova immagine e andrà a creare un proprio marco.

    “La nostra crescita ci obbliga a questo cambiamento e a preparare il futuro”, aggiunge Teresa Silva.

    Nuove installazioni

    La crescita dell’azienda, anche in un periodo in cui le materie plastiche sono così maltrattate, ha portato gli organi di gestione ad andare avanti con il cambiamento delle strutture“. Sarà a medio-termine e sarà un progetto che avrà qualche impatto”, ha rivelato Paulo Silva senza voler entrare di più nei dettagli.

    Tuttavia riconosce che “andremo a mettere sotto contratto più persone e a investire in attrezzature e tecnologia”. Queste assunzioni del benesere sociale andranno, anche, per o il nuovo spazio e saranno rafforzate. Questa non può essere solo un’azienda, deve essere come una famiglia perché passiamo mais più tempo che nelle nostre case.

    Non solo team building in Portogallo

    Queste sono alcune delle iniziative prese da un’azienda brasiliana per migliorare le condizioni di lavoro dei propri dipendenti. Come vedete, c’è anche il team building aziendale. Senza entrare nel merito della vostra politica aziendale (magari certe cose possono sembrare esagerate), vi consigliamo di far fare un po’ di team building ai vostri dipendenti. E vi consigliamo di farglielo fare contattando un’azienda esperta nel settore. Esattamente come la nostra. Quindi, che cosa aspettate a contattarci?

    Però, dobbiamo essere onesti: non vi sappiamo se vi faremo fare del team building aziendale in Portogallo.

    Parlare di:

    attività di team building

    Festa della Mamma e attività di team building

    Festa della Mamma e attività di team building

    L’attività di team building questa settimana è, ancora una volta, legata alle ricorrenze e all’attualità.

    Visto che si sta avvicinando la Festa della Mamma, questo articolo sarà incentrato sul team building e la Festa della Mamma.

    Quali attività di team building collegate alla Festa della Mamma si potrebbero suggerire qui? Di due tipi, ho pensato.

    Senza formatore (non è necessario)

    Si potrebbe organizzare la costruzione di oggetti regalo da dare alle proprie madri. In questo sito abbiamo già visto molte volte il lavoro di gruppo come attività di team building. Il lavoro di squadra cementa il gruppo, lo affiata. Un altro elemento che ricorre qui è quello ludico, un po’ un ritorno all’infanzia.

    Le cose che si possono realizzare sono molteplici e sono sicuro che ogni azienda e ogni gruppo saprà trovare la cosa migliore da fare. Eventualmente, si può dare il suggerimento di suddividersi in squadre che competano e di far scegliere a una giuria l’oggetto migliore, per aggiungere un po’ di pepe.

    Nel primo caso, la figura del formatore potrebbe essere superfluo, ma è comunque meglio che ci sia. Nel secondo caso, è quasi necessario, visto che si sta parlando pur sempre di una competizione e le competizioni possono creare attriti, soprattutto all’interno della stessa squadra. Pensate alle brigate di Masterchef e alle prove in esterna, riescono a litigare cucinando. Ecco allora, che la presenza di un formatore diventa quasi d’obbligo, perché sa dirimere i contrasti, sa capire i problemi e sa aiutare a gestirli.

    Attività di team building, Festa della Mamma e vanità

    Un’altra attività di team building che mi viene da suggerire e una sorta di elezione di Miss Mamma all’interno dell’azienda, un concorso di bellezza improvvisato, ma fino a un certo punto. Fino a un certo punto in quanto sarà comunque necessaria una preparazione, che costituirà una parte dell’attività di team building. L’altra parte sarà costituita dalla festa della serata del concorso. E abbiamo visto che anche le serate aziendali contribuiscono al team building. In questo caso, può servire un formatore? Secondo me, sì. Perché anche nei concorsi e nelle gare possono nascere dei contrasti (lo abbiamo visto quest’anno a San Remo) e un formatore può essere utile, non si sa mai.

    Qualcuno obietterà che un concorso di bellezza per sole mamme è discriminante per chi non è mamma. E’ vero, ma si tratta di una sera sola. E’ vero, ma bisogna sempre fare queste cose con uno spirito giocoso. E’ vero, ma fino a non molti anni fa Miss Italia era preclusa alle mamme. E’ vero, ma le mamme (non tutte) e le donne in stato di gravidanza hanno già dei privilegi. Giustamente.

    Volendo, si possono fare entrambe le cose e nella stessa serata presentare gli oggetti costruiti (e magari fare la votazione in quell’occasione) e la sfilata di bellezza.

    Contattateci (non solo per la Festa della Mamma)

    Abbiamo visto anche il team building si può collegare anche alla beneficenza. E allora perché non cercare di incassare un po’ di soldini da devolvere in beneficenza.

    Anche se la Festa della Mamma ormai è alle porte, teneteci in considerazione per il 2020. E traete spunto da questo post (anche) per il 2019, rivolgendovi sempre a noi.

    Animazione cena aziendale: karaoke

    Animazione cena aziendale: karaoke

    animazione festa aziendale 2

    Vi ricordate quando, intorno a novembre, abbiamo parlato delle cene natalizie? Ma non di quelle solite, in cui si mangia e si beve e basta, bensì di quelle con giochi e animazione? Ebbene, ne abbiamo organizzata una e adesso ve ne parlo un po’. Ve ne parlo un po’ perché è giusto che anche chi non c’era si bei di una cosa così bella, seppur in modo indiretto. E sappia di che cosa siamo capaci.

    Innanzitutto, comincio con il dirvi che si è tenuto in Piemonte e più esattamente a Biella e, in fondo, è stato un po’ come giocare in casa visto che la nostra sede principale si trova a Torino.

    È stata una serata all’insegna del team building, di quelle che piacciono a noi e che noi sappiamo organizzare, con tanta partecipazione e con tanto divertimento. Insomma, con tanto coinvolgimento emotivo. Le persone si sono messe in gioco, per esempio quando c’è stato il momento del karaoke.

    Eh sì, il karaoke. Intramontabile. Già affermato e in voga quando ero giovane io, non sembra voler sparire dai modi di intrattenimento. E allora ecco i protagonisti della nostra serata biellese si sono cimentati in esibizioni canore singole e di gruppo e in duetti. E l’intonazione? Sinceramente, contava molto poco, come contava molto poco la voce bella. Contava soprattutto il divertimento e lo stare insieme. Contava soprattutto fare team building. Il karaoke era un mezzo, un mezzo per il team building.

    Animazione, cappelli e… 

    Naturalmente, non c’è stato solo il karaoke. Ci sono state delle chiacchierate, c’è stato il cibo (perché, alla fin fine era pur sempre una cena), c’è stato il vino. I partecipanti si sono conosciuti meglio. Insomma, hanno fatto gruppo e hanno cementato il loro rapporto. C’è stata animazione di altro genere, fatta da professionisti del settore. Ci sono stati dei cappelli buffi, per dirla come il fumettista Sio. E si sa che un cappello può fare la differenza. Ci sono stati, ed è una cosa molto importante, tanti sorrisi e tante risate, come potete vedere dalle foto contenute in questo articolo. Sorrisi e risate condivisi e quindi moltiplicati con effetto ampliato. Sorrisi e risate di una squadra. Di un team building. Le foto sono molto eloquenti. C’è stata musica e si è ballato.

    Il bello di queste serate (una delle cose belle, perché ce n’è più di una) è che sono democratiche perché un po’ saltano le gerarchie in quanto tutti quanti, sia impiegati, sia dirigenti, si mettono in gioco e hanno la stessa voglia di divertirsi attivamente, di contribuire alla riuscita della serata, di divertirsi insieme e di fard gruppo. In poche parole, di fare team building. E così è stato in quella serata natalizia a Biella.

    Provate anche voi ad affiidarvi a noi per l’animazione?

    Volete pure voi che vi organizziamo una bella serata come quella di Biella, come quella che vi stiamo raccontando? Con o senza karaoke, però lo consigliamo in quanto aiuta molto al raggiungimento dello scopo. Allora, contatatteci: sapremo confezionare per voi un evento emozionante, divertente e indimenticabile e quando sarà finito vi sentirete davvero tutti quanti più affiatati e più vicini e parte il senso di appartenenza alla squadra e all’azienda aumenterà.

    Come abbiamo scritto sopra, questa volta abbiamo un po’ giocato in casa in quanto la cena si è svolta a Biella, in Piemonte, però noi operiamo in tutta Italia. Quindi, anche se abitate in qualche regione lontana, non abbiate remore nel contattarci.

    Chiaramente, quella di dicembre ha avuto anche tutti i crismi di una cena di fine anno, con tanto di scambi di auguri e, ovviamente, se la facciamo in un altro momento dell’anno, avrà altri connotati. Però, l’essenza sarà la stessa e il team building sarà sempre il vero protagonista.

    In ogni caso, da Palermo ad Aosta, contattateci.

    animazione festa aziendale 11animazione festa aziendale 12animazione festa aziendale 5

    Parlare di:

    cena aziendale

    team building natale
    team building festa Natale

    Incentive esperienziale e team building indoor

    Incentive esperienziale e team building indoor

    Team Building Indoor

    events wood horseQuali requisiti deve avere un Incentive Esperienziale? 

    Come mi ha detto una persona che se ne occupa, che lo fa di mestiere, il turismo esperienziale, deve avere tra i propri requisiti fondamentali, appunto, l’esperienza. Deve arricchire interiormente chi lo fa, deve aumenta il suo bagaglio culturale. Deve emozionarlo e coinvolgerlo.

    Questa persona mi ha detto: “Assaggiare del formaggio durante un incentive non è di per se un’attività esperienziale, imparare come abbinarlo e come si lavora invece si”.

    Ne esistono vari livelli, diversi modi di farlo. Potremmo parlare di gradi, quasi di una scala. Fermo restando che tutto quello che si fa deve essere legato al territorio.

    Il top, come si dice oggi, è far fare qualcosa a chi partecipa, qualcosa di manuale o comunque di pratico, di concreto. Come esempio, la persona citata sopra ha portato lo scultura del tufo. Ho già parlato, in un altro articolo, della meditazione nella cascina buddista e dei manager sud-coreani che preparano il kimchi. In questo caso, la perfezione è fare queste attività in squadra, tutti insieme, o almeno a gruppetti. Quindi, sarebbe meglio trovare quelle che permettano di lavorare in team.

    Un gradino sotto c’è l’assistere a una dimostrazione svolta da persone competenti. Se è un posto con una tradizione alle spalle, ancora meglio. Una bottega storica, poi! Certo, non la stessa cosa di fare, ma anche vedere e apprendere hanno il proprio fascino. Come esempio, porto quello di una macchina per la torrefazione (espresso meglio: una macchina per torrefazione vista all’opera) e un sellaio mentre utilizza i propri strumenti.

    Infine, c’è l’ascolto di storie di quartiere, possibilmente da parte di anziani e abitanti storici della zona. Anche in questo caso, anche se non si fa niente e non si vede niente, nel senso di nessun artigiano all’opera, si sarà comunque vissuta un’esperienza interessante tutti quanti insieme.

    Se poi si desidera chiudere il tutto con un aperitivo, si potrà imparare a fare gli abbinamenti, come quello formaggio-vino di cui si è parlato sopra, ma le combinazioni sono molteplici.

    Ricordiamoci che questa puntata è dedicata alle attività di team building indoor, benché occorra spostarsi, e quindi stare anche all’aperto, se si vogliono fare più di una di queste cose o addirittura tutte quante tutte in una volta.

    Un’ulteriore precisazione: abbiamo parlato di turismo esperienziale, ma non è detto che ci si debba spostare dalla propria città metropolitana/provincia. Al massimo, dal proprio Comune o dal proprio quartiere.

    Come farne un’attività di team building indoor?

    Che cosa c’entra tutto questo con il team building? Semplice, si tratta di esperienze di gruppo condivise e si sa quanto sia importante la condivisione per generare emozioni e coinvolgimento. Soprattutto, se la condivisione riesce a generare emozioni e coinvolgimento a livello virtuale, tra persone che non si sono mai né viste né conosciute, figuriamoci che cosa possa fare tra chi era fisicamente lì, tutti insieme. Addirittura, tra colleghi o tra compagni. Pertanto, l’esperienza di turismo esperienziale (scusate il gioco di parole) può avere il ruolo di rafforzare legami già esistenti. In questo modo, se sono forti, diventeranno ancora più forti, mentre, se sono tenui, potranno migliorarsi. Che poi, è lo scopo del team building, di qualsiasi tipo di Building, ma questo ha in più il vantaggio dell’accrescimento del proprio bagaglio culturale. E un bagaglio culturale ampio può servire sul posto di lavoro, anche quando ciò che si sa non è strettamente legato a ciò che si fa. Naturalmente, non sono da omettere due elementi: il divertimento e il fatto di conoscere i propri colleghi o propri compagni al di fuori del contesto in cui siamo abituati a vederli.

    Contattateci

    Se la cosa vi interessa, se siete intenzionati a una o più attività attività di team building indoor legate al turismo esperienziale, se pensate che ne possa scaturire qualcosa legato al team building, non esitate a contattarci: confezioneremo per voi qualcosa di indimenticabile e, soprattutto, di funzionale al vostro scopo.

    Team Building Indoor

    Parlare di:

    team incentive

    Scroll to Top